Il mito delle trattorie per camionisti

Il “buon ristoro” per i camionisti offre spesso un menù del territorio, cucina casalinga e ambiente familiare. Il servizio talvolta spartano è rapido, soprattutto a pranzo, perché placato l’appetito c’è da risalire sul camion.
Alcuni ristoranti sono molto frequentati anche la sera grazie all’offerta di ampi posteggi e magari di servizi docce. Nei pressi del Grande raccordo anulare di Roma si
può gustare la trippa alla romana, lungo la Statale 12 Valdadige il bollito misto con pearà (salsa tipica a base di pane grattugiato, brodo di manzo e pepe), a Quattordio (Al) la pasta e fagioli, alla Stazione di Collesalvetti (Li) il cacciucco alla livornese e nei pressi dell’uscita San Savino (Ar) della A1, pappardelle al cinghiale e bistecche alla fiorentina.

Un’evoluzione senz’altro positiva di questo genere di locali riguarda la crescente diffusione dell’abitudine di esporre, in genere sul tavolo, il menu del giorno con i prezzi relativi. La trasparenza dei listini è del resto essenziale per stabilire tra ristoratori e clienti, chiunque essi siano, un rapporto di fiducia. In conclusione si può senz’altro affermare che il mito delle trattorie per camionisti resiste e a ragione. In fondo, ad alimentare la loro fama ha contribuito di recente anche la letteratura: “A mità strata vitti una trattoria davanti alla quale c’erano fermi tri camion, signo sicuro che lì si mangiava bono” (“La vampa d’agosto”, Andrea Camilleri).

fonte: il-portale-del-camionista.blogspot.it

Thermo King and FRIGOBLOCK to Showcase Transport Refrigeration at CV Show

Transportation solution businesses Thermo King and FRIGOBLOCK, of Ingersoll Rand, will welcome visitors at booth 3B130 of the CV Show in Birmingham, United Kingdom and showcase transport refrigeration solutions ready for today and tomorrow.

“We’ll be at the CV Show to demonstrate our leadership and discuss how we, through our extensive, existing and available solutions portfolio, can already today help our customers to meet the real-world operational, environmental and emissions demands the transport refrigeration market is facing,” said Donal Cox, regional director UK and Ireland at Thermo King and FRIGOBLOCK.

Thermo King and FRIGOBLOCK are in a unique position to show visitors an existing, full portfolio of diesel, hybrid and zero-emission, all-electric solutions to suit all transport refrigeration applications from truck, trailer to home delivery vans. This full portfolio of transport refrigeration solutions meets the expectations and answers today’s demands in areas of sustainability, intelligence and connectivity – ultimately improving customer’s environmental footprint while simultaneously decreasing their total cost of ownership.

The CV Show 2017 will be the UK premiere of the new Thermo King SLXi platform of single- and multi-temperature trailer refrigeration units and the new Hybrid Drive Trailer concept leveraging FRIGOBLOCK inverter technology.

• The new Thermo King SXLi range includes customisable operational parameters to meet customer needs, their application and ambient conditions. The customized profile conditions create optimized performance and fuel savings of 10 to 20 percent, compared with the predecessor.

The SLXi is the industry’s first fully telematics-enabled refrigerated trailer unit, delivering full visibility of the unit and load condition with Thermo King’s new TK BlueBox communication device and Bluetooth® as standard.

The TK BlueBox collects and stores unit data, which can be accessed through a free app on smart phone or Bluetooth-enabled device. This provides two-way communication that enables real-time unit management and access to critical data. Users can manage defrost, pre-trip, set point and additional operating mode settings remotely, without a contract or subscription.

• The new Hybrid Drive Trailer concept combines the proven expertise and technologies from both Thermo King and FRIGOBLOCK and will become part of the SLXi refrigerated trailer platform. The Hybrid Drive Trailer concept offers additional fuel and operational savings, as well as low emission and noise levels enabling transport companies access to inner city areas and restricted zones.

The Thermo King Hybrid Drive allows a refrigerated semi-trailer, attached to a tractor with a FRIGOBLOCK Enviro Drive inverter filter, to run electrically. This enables the trailer refrigeration unit to be powered as a hybrid drive, by either the electric alternator or through its own independent diesel engine.

Standard TK BlueBox telematics system stores the data and provides ability for two-way communication to ensure that the load is protected at all times and the geo-location feature will automatically switch the power between diesel and truck Enviro Drive as required or necessary.

source: logisticbusiness.com

CONFTRASPORTO / Sciopero solo la prima di una serie di iniziative

Il presidente Conftrasporto-Confcommercio annuncia la mobilitazione del 18 marzo con un messaggio chiaro: “Se il Governo non romperà il silenzio, sarà solo la prima di una serie di iniziative”. Per i trasporti eccezionali è sempre più difficile viaggiare su strade e autostrade. La complessità dei permessi, assieme all’assenza di una direttiva a livello nazionale, sta progressivamente spingendo il settore verso lo stallo, con pesanti conseguenze sull’intero sistema economico del nostro Paese. Tra le regioni maggiormente colpite ci sono la Lombardia – che ha il maggior numero di imprese – e l’Emilia Romagna, ma il problema si sta estendendo a tutti i territori, a cominciare dalle Marche. A lanciare l’allarme è il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè (nella foto) che invoca una direttiva a livello nazionale, con disposizioni di carattere generale, per sbloccare la situazione e consentire alle imprese di lavorare: “È scattato da parte di molte amministrazioni il timore di diventare oggetto d’inchiesta da parte della magistratura. Una paura che, in tema di permessi e autorizzazioni legati a questo genere di trasporto, si traduce in un eccesso di rigidità – dichiara Uggè – In alcuni casi si scade persino nel ridicolo, se pensiamo che l’autotrasportatore oggi deve pagare un ‘quid’ per ogni passaggio che effettua su alcuni cavalcavia e che si arriva addirittura a chiedergli di verificare la tenuta dei tombini sulle strade che dovrà percorrere. È chiaro che così non si può andare avanti e che c’è bisogno di un coordinamento, di un punto di riferimento preciso a livello governativo, che non può essere solo il ministero dei Trasporti. L’urgenza di una risposta e i troppi, prolungati, silenzi (anche) su questo tema – prosegue il presidente di Fai-Conftrasporto – ci hanno portato ad aderire alla mobilitazione nazionale proclamata per sabato 18 marzo assieme alle maggiori associazioni del settore riunite sotto la sigla Unatras. Se i silenzi del Governo perdureranno – conclude Uggè – questa sarà solo la prima di una serie di iniziative”.

fonte: ilmondodeitrasporti.com